Seguici:

Blog
Quando l’Influencer Engagement Incontra i Big Data

Gina Gulberti

Lavorare con gli influencer oggi è qualcosa di necessario per chi lavora nella Moda, nel Lusso e nella Cosmetica.

Nel nostro ultimo report sullo Stato dell’Influencer Marketing abbiamo scoperto che l’80% dei professionisti intervistati ha incluso gli influencer nelle proprie strategie di marketing e comunicazione. Se lo hanno fatto correttamente, non si sono affidati solo all’istinto e all’intuizione per scegliere le persone che avrebbero promosso i loro prodotti. Avranno scelto in base ai numeri, ai big data e alle analisi di marketing che oggi ci permettono di fare scelte intelligenti in termini di influencer engagement e di ottenere, in generale, un maggior ritorno sull’investimento.

I big data possono essere utili in diversi modi. Possono aiutarti a definire la tipologia di influencer più adatta al tuo brand valutando l’engagement, il Media Impact Valuee il numero di follower. Possono indirizzare le tue scelte in termini di contenuti e anche dirti quanto si sia posizionato correttamente il tuo prodotto in un determinato periodo di tempo.

Brand famosi come Ralph Lauren, Lucky Brand, Sperry e True Religion utilizzano da anni l’intelligenza predittiva e i big data a loro vantaggio, allo scopo di capire in che modo le loro scelte relative a tessuti, dettagli stilistici, colori e prezzo abbiano un impatto sulla risposta del consumatore. La domanda sorge spontanea: perché non utilizzare questi dati prima che la collezione arrivi sul mercato? Questo articolo si concentra sui tre principali step dell’influencer engagement nei quali i big data possono avere un ruolo importante.

Utilizza i big data per scegliere influencer capaci di ottenere risultati

Uno YouTuber o un Instagrammer? Quali sono i tuoi obiettivi? La tipologia di opinion leader che scegli per le tue campagne influencer dovrebbe essere sempre, ma davvero sempre, selezionata in base ai risultati che vuoi raggiungereStai cercando di catturare attenzione a livello internazionale per un nuovo brand? Stai coltivando la fedeltà della clientela rispetto ad uno specifico prodotto? O, magari, stai solo cercando di migliorare il tuo posizionamento rispetto ad un target specifico? Prima di tutto, definisci i tuoi obiettivi. È una regola d’oro.

Una volta che conosci i tuoi scopi, lo step successivo sarà dare un’occhiata ai dati. Immagina per un momento di lavorare per un brand il cui target è sempre stato in una fascia d’età tra i 45 e i 60 anni con un alto potere di spesa. Questo brand sta per lanciare una collezione più giovane e tu e i tuoi colleghi siete obbligati a cambiare approccio, nella speranza di conquistare i tanto desiderati millennials. Ecco dove entra in gioco la tecnologia. Quello di cui hai bisogno è un’analisi dati che possa mostrarti i dettagli dell’audience dell’influencer che stai considerando. Puoi, quindi, selezionare solo gli influencer la cui audience corrisponde con il tuo nuovo target. Allo stesso tempo, i dati ti mostreranno l’engagement rate degli influencer e la loro capacità di generare Media Impact Value, permettendoti di selezionare quelli che hanno la reach maggiore. Il risultato? Un migliore ritorno sull’investimento.

big-data-influencer

Un ottimo esempio di questo tipo di strategia in azione è quello di F is For…FENDI, la campagna “pensata per creare e condividere esperienze online e offline al fine di trasmettere il DNA Fendi ad una generazione più giovane”.

Vuoi saperne di più sulla strategia di engagement di F is For…FENDI e su come abbiano saputo coinvolgere i millennials? Leggi In che modo FENDI ha utilizzato dei premium influencer per generare hype per la sua campagna “F is For…FENDI”.

Ottieni il massimo dal tuo influencer engagement monitorando i risultati in tempo reale

Quindi, hai deciso di includere gli influencer nella tua campagna di marketing. Bene e ora? Ti siedi e aspetti che citino il tuo brand nei loro post? È un po’ più complicato di così! Le campagne di digital marketing richiedono un monitoraggio e un’attenzione costanti. A questo proposito, esiste un gran numero di strumenti che puoi utilizzare per monitorare i risultati in tempo reale, visualizzando come stiano performando i post degli influencer ogni minuto, ora o giorno. Questo livello di controllo si traduce nella possibilità di adattare e migliorare i post, basando sempre le tue decisioni sui risultati ottenuti. Puoi addirittura utilizzare le informazioni ricavate dal tuo monitoraggio per approvare o rifiutare i post degli influencer, perché ora sei consapevole di come stiano performando i singoli post.

big-data-influencer

Ancora una volta: quando si tratta di campagne paid con gli influencer, l’uso intelligente dei big data ti aiuterà a ottenere di più dai tuoi investimenti.

Analizza l’impatto totale della tua strategia e confrontalo con quello dei tuoi competitor

Infine, l’analisi strategicamente più importante che puoi realizzare è quella per capire se i tuoi obiettivi siano stati raggiunti e che ruolo abbia svolto l’influencer engagement. Questa analisi finale dovrebbe mettere insieme tutti i dati relativi alla performance degli influencer, oltre a fornirti i risultati basati su post e reazioni. 

Ti raccomandiamo di utilizzare una dashboard – una tavola dei risultati che presenti queste informazioni in maniera dinamica e che possa aiutarti a capire meglio come abbia performato la tua campagna. D’altro canto, ti consigliamo anche uno studio più dettagliato e personale della tua campagna in modo da andare in profondità, scoprendo particolari come il posizionamento di un particolare prodotto, dove abbia avuto maggiore impatto la tua campagna (geograficamente parlando), le keyword che ne hanno definito il feeling o in che modo abbia performato rispetto ad altre campagne che hai condotto contemporaneamente o rispetto a quelle dei tuoi competitor.

medicion-influencers

I ‘big data’ non sono una sorta di nuova scienza miracolosa. Si tratta semplicemente del frutto degli sviluppi in ambito new media e tecnologia, uno strumento che ci permette di monitorare e manipolare i nostri risultati. Nel mondo di oggi, dominato dalla tecnologia, dobbiamo essere in grado di semplificare le nostre metriche e i nostri indicatori e abbiamo bisogno di strumenti che ci offrano un’interpretazione semplice dei dati che ricaviamo, per poter prendere delle decisioni strategiche migliori. Per riassumere, ecco le principali situazioni nelle quali potresti trovare vantaggio dai dati durante le tue campagne paid con gli influencer:

  • Selezione: sfrutta al massimo i dati disponibili per scegliere i giusti opinion-maker, quelli che hanno il maggior potenziale per aiutarti a raggiungere gli obiettivi della tua campagna di influencer engagement.
  • Ottimizzazione: non perdere mai di vista come stiano performando in tempo reale la tua campagna influencer e i singoli post. In questo modo potrai ottimizzare la strategia in corso d’opera.
  • Analisi: usa una reportistica finale dettagliata per verificare se hai raggiunto o meno i tuoi obiettivi. Se utilizzi le metriche giuste, sarai più preparato a prendere delle buone decisioni nelle campagne future.

influencer marketing

Gina GulbertiVICE PRESIDENT OF DIGITAL MARKETING

Gina è un'appassionata di storytelling. Copywriter e specilizzata in strategie di comunicazione, si occupa di gestire le azioni di marketing digitale di Launchmetrics, in qualità di Vice President of Digital Marketing. Quando non sta pensando alla sua prossima strategia comunicativa, puoi trovarla in viaggio, scrivendo su blog o facendo yoga!

Let's talk about it Condividi con noi la tua esperienza e la tua opinione sugli argomenti compilando il modulo qui sotto.

Ti potrebbe piacere anche

 

Costruisci il lancio di prodotto perfetto Contatta adesso il nostro team
Richiedi una Demo