Seguici:

Blog
Instagrammer e brand: non solo regali

Gina Gulberti

Sei un utente regolare di Instagram? Se è così e segui più di un fashion o food blogger non troverai nulla di strano nel fatto che spesso questi influencer posino con diversi prodotti e ringrazino un brand per il trattamento speciale o l’esperienza che hanno avuto.

Questo è il processo: il brand identifica gli influencer veramente rilevanti per la sua immagine aziendale; poi si sviluppa una strategia per interagire con loro ricorrendo nella maggior parte dei casi all’invio di regali, campioni o omaggi per il blogger che diffonderà l’annuncio nei suoi account social al fine di inoltrare il messaggio che il brand vuole trasmettere. Fin qui è tutto chiaro.

Instagramer e brand

Per questo tipo di relazione, Instagram è diventato uno dei principali e più ricercati canali per i marchi (e una delle piattaforme social che ha avuto la crescita più importante negli ultimi mesi). Per esempio, i fashion blogger concentrato gran parte della loro comunità in questa rete molto visiva : questa community non è solo composta da persone che vogliono « lezioni di stile » o conoscere le caratteristiche dell’ultimo modello del brand x, ma anche per saperne di più sui loro viaggi, la vita di tutti i giorni, gli eventi ai quali ha partecipato, ecc…

In breve, i follower seguono gli instagrammer più in generale (food, moto, viaggi, fotografia, moda, ecc) perché a loro piace il contenuto che pubblicano e si basano in parte, proprio nel suo contenuto. Si potrebbe dire che le loro opinioni sono più importanti di quelli che può dare loro un testimonial o una celebrità scelta esclusivamente per criteri estetici per uno spot televisivo. Come abbiamo detto durante il workshop #LaunchmetricsInfluencers , non confondere celebrità con influenza !

Finora abbiamo parlato di influencer pagati solo con omaggi e esperienze esclusive, ma cosa succede quando un blogger è pagato? In alcuni Paesi, come gli Stati Uniti, questo può diventare un problema. La US Federal Trade Commission regola le pratiche commerciali e monitora il mercato per garantire che nessuna azienda infranga le regole. La settimana scorsa l’inaspettato è successo. Lord & Taylor, un marchio di moda, ha lanciato poche settimane fa la nuova collezione Design Lab, la cui promozione  è stato affidata a importanti influencer del mondo della moda. Il brand è stato coinvolto nella polemica sull’uso di fashion blogger, Instagram e il modo in cui gestisce le campagne di promozione e le sue attività di PR. Qualche settimana fa, 50 influencer hanno indossato nelle loro foto su Instagram lo stesso abito della collezione Lord&Taylor Design Lab. Strano, vero? 50 influencer, non meno, che indossano lo stesso vestito, allo stesso tempo! La FTC ha immaginato che c’era sicuramente qualcosa sotto e, grazie al magazine online Adweek, Lord & Taylor ha finito per ammettere che i modelli erano stati pagati. Vale a dire che non hanno solo ottenuto un vestito gratis da indossare nella foto, ma hanno ricevuto un compenso monetario, qualcosa che secondo le normative del FTC non è fair play.

Si tratta di un nuovo scenario per la piattaforma stessa e per i suoi iscritti, influencer o brand. Per il momento, Instagram non ha annunci o contenuti sponsorizzati (da distinguere dai Carousel Ads), come ad esempio Twitter e Facebook. Tuttavia, la FTC ha richiesto ai blogger e agli influencer che sono pagati per promuovere un determinato prodotto/servizio di includere il termine #ad o #sponsored per distinguerlo dagli altri contenuti spontanei. Molte delle persone che hanno assistito al workshop non saranno d’accordo con quanto detto finora e non troveranno di certo scandaloso pagare gli influencer per il loro “lavoro”. Da qui la fatidica domanda a cui ci piacerebbe rispondeste nei commenti : bisogna pagare gli influencer? O ancora, gli influencer dovrebbero aggiungere un disclaimer per dire che sono stati pagati per pubblicare una foto su Instagram o no?

Argomento controverso, ma al quale vorremmo dare un seguito proponendo un contenuto più specifico su questo tema, fornendo quella che è un po’ la nostra posizione sulla questione.

Immagini utilizzate in questo articolo: Old Grunge Background e Mobile phone and speech bubbles infographics via ShutterStock

Gina GulbertiVICE PRESIDENT OF DIGITAL MARKETING

Gina è un'appassionata di storytelling. Copywriter e specilizzata in strategie di comunicazione, si occupa di gestire le azioni di marketing digitale di Launchmetrics, in qualità di Vice President of Digital Marketing. Quando non sta pensando alla sua prossima strategia comunicativa, puoi trovarla in viaggio, scrivendo su blog o facendo yoga!

Let's talk about it Condividi con noi la tua esperienza e la tua opinione sugli argomenti compilando il modulo qui sotto.

Ti potrebbe piacere anche

 

Awesome! We send you an email to confirm your subscription. Thanks!

Stay in the know with useful resources about the fashion, luxury and beauty industries

Costruisci il lancio di prodotto perfetto Contatta adesso il nostro team
Richiedi una Demo