Seguici:

Blog
5 consigli fondamentali per rendere i tuoi comunicati stampa più attraenti

7 min. Tempo di lettura

Gina Gulberti

Inviare un comunicato stampa tradizionale (lo stesso di 15 anni fa, per intenderci) è ormai una scelta poco felice e in disuso, mentre un gran numero di dipartimenti e agenzie di comunicazione digitali scelgono sempre più spesso nuovi modi per comunicare, alla ricerca di uno stile innovativo. Uno stile più vicino alle reti sociali e alle nuove interazioni tra giornalisti, influencer, consumatori e utenti.

Zero zuccheri aggiunti, zero autocelebrazioni gratuite e 100% trasparenza e semplicità. Ecco a cosa deve assomigliorare il nuovo comunicato stampa, un mezzo che continuerà a far parte dell’arsenale mediatico delle marche, ma che deve assolutamente evolvere verso un nuovo stile, per apportare più contenuti ed apparire meno corporativo. Ma soprattutto, sarà un formato in grado di adattarsi ai destinatari e alle loro peculiarità (la base dell’influence marketing).

Un po’ di tempo fa abbiamo parlato del contenuto dei comunicati stampa, nel post “Non vendere comunicati stampa, racconta storie di qualità“. Oggi vorremmo soffermarci su un altro elemento fondamentale da tenere sempre presente quando creiamo un comunicato stampa: le immagini. Ecco le nostre 5 chiavi per creare comunicati stampa più visuali.

1. Aggiungi elementi grafici all’informazione

Molte imprese continuano a mandare comunicati stampi pieni di lunghi paragrafi di testo e senza neanche un singolo elemento grafico che serva da supporto all’informazione. Questo rende la vita difficile ai giornalisti contemporanei, sempre più legati ai mezzi di comunicazione audiovisivi. In alcuni casi, alcuni giornalisti richiedono più di un’immagine per pubblicare la notizia su un blog, sulle reti sociali, sul loro sito Internet o in formato cartaceo.

Ecco perché è consigliabile aggiungere sempre qualche elemento di supporto visivo alla storia che state raccontando. Una o più fotografie dell’evento che state pubblicizzando, un grafico che sintetizzi i dati o schematizzi e aiuti a comprendere il contenuto del vostro comunicato, ecc.

Cercate di pensare sempre al formato di cui hanno bisogno i mezzi o i siti a cui manderete il comunicato. Ad esempio, immaginate di aver creato un’infografica che accompagnerà il vostro comunicato. Il formato del grafico potrebbe essere perfetto per il giornalista che lo riceverà, ma può darsi che di tutti i dati mostrati, a lui interessi solo uno in concreto, necessario per scrivere il suo articolo… Magari potreste presentare la vostra infografica in un formato “scomponibile”, per agevolarne la pubblicazione in base ai vari mezzi di comunicazione.

comunicati stampa2. Sfrutta lo spazio dell’occhiello dei tuoi comunicati stampa per eventi

Gli inviti, le convocazioni e i comunicati in caso di eventi continuano ad essere una della formule più utilizzate per riunire giornalisti ed altri contatti durante le tue azioni offline. Per questo motivo è fondamentale attrarre l’attenzione di chi li riceve, e le immagini e l’aspetto grafico dei tuoi inviti potrebbero svolgere un ruolo chiave a questo proposito.

Nel caso degli influencer e dei contatti con cui hai una relazione più stretta, ti consigliamo di inviare a ciascuno di loro un’email personalizzata per conoscere la loro disponibilità e spiegargli brevemente l’obiettivo dell’evento, dimostrando contemporaneamente il tuo interesse verso di loro. In seguito potrai inviargli l’invito generale affinché abbiano tutte le informazioni importanti in una sola email e possano aggiungere l’appuntamento alla propria agenda.

Fai risaltare in modo grafico la data dell’evento, nonché il luogo in cui si terrà. E non dimenticarti di includere nell’occhiello dell’invito un link per la registrazione, per semplificarne l’accesso

comunicati stampa

3. Usa i “Call to action” per dare rilievo alle informazioni importanti

Specialmente nel caso di un evento, ma anche nel caso di contenuti che includono altri supporti online verso i quali desideri dirigere i giornalisti (ad esempio un video), ti consigliamo di ricorrere spesso all’uso di elementi grafici con riquadri in evidenza, bottoni o icone, per generare una vera e propria “chiamata all’azione”.

Anche i banner all’interno del testo informativo possono arricchire la navigazione del giornalista attraverso il contenuto del tuo comunicato stampa. Puoi usarli per condurli a delle immagini complementari, a un altro documento o direttamente al sito Internet della tua marca.

L’importante è che non intralcino la lettura, ma che la arricchiscano (proprio come nel caso del consumo di contenuti online).

comunicati stampa

4. Aggiungi le foto delle persone che nomini nel tuo comunicato

Ci saranno alcuni giornalisti a cui non interesseranno, mentre altri avranno bisogno di più informazioni sui portavoce della tua compagnia che parteciperanno all’evento, sugli esperti che apporteranno i dati di un nuovo studio o sui membri di un’associazione che parteciperanno a una tavola rotonda insieme ai tuoi colleghi.

comunicati stampa

È sempre una buona idea includere le foto delle persone che menzioni nel testo, magari accompagnate da un link ai rispettivi profili professionali. In questo modo i giornalisti che riceveranno il tuo invito o il tuo comunicato sapranno riconoscere le varie persone coinvolte e potranno valutare la rilevanza di ciascuna di loro riguardo alle informazioni di cui hanno bisogno.

5. Usare delle GIF animate nelle tue comunicazioni… E perché no?

È chiaro che non si tratta di un formato adatto a qualsiasi tipo di comunicazione corporativa, nonché a quel tipo di marche la cui linea editoriale è più chiusa rispetto alla norma. Ciò nonostante si tratta di uno strumento utile ed originale, da usare durante occasioni speciali e meno “serie”. La marca di automobili Tesla, ad esempio, ha usato delle GIF in uno dei suoi comunicati stampa per mostrare in modo visivo alcuni dei miglioramenti apportati ai loro modelli di automobili: bit.ly/tesla-gif-release.

Ci sono mille modi per sfruttare le immagini!

Questi non erano altro che alcuno esempi di come puoi sfruttare la grafica di un messaggio prima di inviare il tuo prossimo comunicato stampa. E per concludere, eccoti un riassunto dei consigli che dovresti seguire quando decidi di inserire delle immagini nelle tue comunicazioni per email:

  • Gioca con l’accoppiata “testo & immagine”. Non usare MAI le email costruite come un’immagine unica!
  • Mantieni uno stile omogeneo e coerente all’interno del comunicato (equilibrio tra immagini e testo, colori della stessa gamma, ecc.).
  • Usa un sistema che regga il peso dei file con immagini (server o programmi di gestione delle email), affinché i tuoi comunicati non finiscano nella cartella dello spam dei giornalisti e dei tuoi contatti.
  • Pensa sempre al modo in cui vengono consumate le informazioni online: usa le immagini come un complemento della notizia

Anche tu conosci qualche buon esempio di un comunicato stampa 2.0 ? Condividetelo con noi!

 

Gina GulbertiVICE PRESIDENT OF DIGITAL MARKETING

Gina è un'appassionata di storytelling. Copywriter e specilizzata in strategie di comunicazione, si occupa di gestire le azioni di marketing digitale di Launchmetrics, in qualità di Vice President of Digital Marketing. Quando non sta pensando alla sua prossima strategia comunicativa, puoi trovarla in viaggio, scrivendo su blog o facendo yoga!

Let's talk about it Condividi con noi la tua esperienza e la tua opinione sugli argomenti compilando il modulo qui sotto.

Ti potrebbe piacere anche

 

Costruisci il lancio di prodotto perfetto Contatta adesso il nostro team
Richiedi una Demo