Fashion Week 2021: Date, digitalizzazione e futuro secondo i leader del settore

Julia Cohen

L’anno scorso, molti appassionati di moda si sono chiesti quale sarebbe stato il futuro del settore, e in particolare, se le fashion week sarebbero proseguite normalmente, se avrebbero visto ancora i loro influencer preferiti seduti in prima fila o se i brand sarebbero diventati completamente digitali. Naturalmente, la pandemia ha costretto l’industria a reagire e sopravvivere, e la settimana della moda è andata avanti anche se in una forma leggermente evoluta. Ma, quali saranno le conseguenze per le fashion week del 2021? I brand e i Consigli di Amministrazione si sono ampiamente adattati alle sfide che la pandemia ha lanciato all’industria, e ora sono in molti a lavorare in linea con le regole e i regolamenti in vigore in tutto il mondo. Ciò significa che la settimana della moda è “tornata alla normalità”, o il settore sta ancora operando in un formato ibrido? In questo articolo, analizzeremo tutto quello che c’è da sapere sulla settimana della moda del 2021, dalle date delle sfilate alla digitalizzazione e a come sarà il futuro secondo i leader delle 4 principali settimane della moda (New York, Londra, Parigi e Milano).

Fashion Week 2021: Date, digitalizzazione e futuro secondo i leader del settore

Date delle Fashion Week 2021

A causa della scossa in tutto il settore, le date tradizionali della fashion week sono state scosse un po’, con alcuni brand che si sono allontanati del tutto dal programma dichiarando che, nell’immediato futuro, avrebbero organizzato delle sfilate fuori dal programma. Allo stato attuale, le date della settimana della moda di quest’anno sono le seguenti:

Autunno/Inverno 21′

Paris Haute Couture Week FW21: 25-28 gennaio

New York Fashion Week FW21: 13-18 febbraio

London Fashion Week FW21: 19-23 febbraio

Milan Fashion Week FW21: 19-24 febbraio

Paris Fashion Week FW21: 1-9 marzo

Primavera/Estate 22′

Paris Haute Couture Week SS22: 4-8 luglio

New York Fashion Week SS22: da confermare

London Fashion Week SS22: 17-21 settembre

Milan Fashion Week SS22: da confermare

Paris Fashion Week SS22: 27 settembre – 5 ottobre

L’evoluzione della fashion week nel 2021

Mentre le date della settimana della moda sono abbastanza tipiche, la struttura delle sfilate è ben diversa, con alcuni comitati che hanno scelto di optare per un formato leggermente diverso nel 2021 e in futuro. Diamo un’occhiata alle tendenze che emergono quest’anno.

Settimane della moda genderless

Quando è stato chiesto al British Fashion Council il programma delle sfilate di quest’anno, l’istituto ha annunciato che avrebbero “ufficialmente unito le loro collezioni maschili alle loro sfilate femminili, creando una settimana della moda senza genere”. Ciò durerà per tutta la stagione AI21 e SS22, e avrà anche lo scopo di affrontare la questione della sostenibilità nella moda, riducendo la necessità di viaggiare e presentare le collezioni così tante volte all’anno. La deviazione dal tipico programma delle sfilate è stata discussa anche dai leader delle quattro principali Settimane della Moda al nostro recente Performance Summit, con Carlo Capasa, il presidente della CNMI, che ha dichiarato che si atterrà al suo programma e adatterà i formati delle sfilate solo da una prospettiva digitale/fisica. Ha fatto anche presente che i brand sono ovviamente invitati a presentare le collezioni in un modo “genderless”, lasciando la scelta ai designer stessi.

La digitalizzazione è arrivata per rimanere 

La domanda più frequente quando si parla del destino della settimana della moda di quest’anno? Se ci saranno o meno sfilate in presenza, o se la settimana della moda rimarrà digitale. Per Carlo e la settimana della moda di Milano, questo dipende interamente dalla pandemia. Come ha notato, “se è molto difficile ci appoggeremo al digitale, se no, presenteremo più sfilate fisiche. Adatteremo la settimana della moda in base alla situazione della pandemia”. Durante la settimana della moda maschile molti brand hanno optato per spostare le loro sfilate fisiche precedentemente pianificate in formati virtuali, una tendenza che sarà probabilmente confermata, dato che gran parte del mondo rimane in isolamento.

La scorsa stagione, la Fédération de la Haute Couture et de la Mode ha presentato un ambiente completamente online durante la settimana della moda, con il presidente esecutivo della Fondazione, Pascal Morand, che ha notato l’accelerazione dell’industria nell’adottare la digitalizzazione dicendo “quello che sarebbe successo nel corso di anni, è successo in poche settimane”. L’ambiente virtuale ha messo in mostra un mezzo misto di sfilate “live” e lookbook di presentazione preregistrati, e questa atmosfera digitale è stata riportata anche nella Haute Couture Paris Fashion Week di questo gennaio. Pascal ha notato che i brand hanno l’opportunità di essere più “creativi ed emotivi” e di attingere a una gamma più ampia di risorse quando presentano le sfilate via video in un formato di storytelling.

È probabile che la settimana della moda di Parigi sarà simile alla presentazione dell’abbigliamento maschile, con spettacoli che si svolgono in digitale o senza un pubblico presente. Questo però può essere lucrativo per i brand: Chanel ha fatto notizia l’anno scorso presentando la sua sfilata Métiers D’Art solo all’attrice Kristen Stewart, quando le regole del Covid francese prevedevano che solo un ospite VIP fosse permesso, invece dei 200 programmati.

date fashion week 2021

Si dice anche che la settimana della moda di New York sarà per lo più virtuale, cosa che secondo Steven Kolb, CEO del CFDA, ha permesso una maggiore flessibilità ai brand: “Abbiamo sempre spinto l’idea che i brand dovrebbero fare ciò che è meglio per loro, e l’approccio digitale ha dato ai brand più licenza di fare ciò che vogliono senza vincoli di tempo”.

Le sfilate fuori programma  

Un argomento scottante dell’anno scorso è stato se le date tradizionali delle Fashion Week sarebbero rimaste, o se più brand avrebbero deciso di sfilare fuori programma. Da Gucci a Off-White, una pletora di case l’anno scorso ha annunciato che non si sarebbe attenuta al calendario tradizionale, con alcuni che hanno scelto di non avere stagioni per riaccendere l’entusiasmo e l’esclusività. Ma tutto ciò riflette il futuro del settore?

I leader hanno dato risposte contrastanti, ma hanno concordato che è probabile che un programma continuerà ad essere in vigore. Pascal Morand ha notato che il loro lavoro è quello di “attenersi ai principi e avere un quadro coerente e un panorama che funziona, ma i brand possono scegliere di essere flessibili al di fuori di questo”.

Se volete saperne di più e ascoltare la conversazione completa tra i leader delle quattro principali settimane della moda, guardate la sessione qui!

Let's talk about it Condividi con noi la tua esperienza e la tua opinione sugli argomenti compilando il modulo qui sotto.